Amici a quattro zampe sullo schermo

Amici a quattro zampe sullo schermo - Iperbimbo

 

«Era una notte buia e tempestosa…», scriveva Snoopy in apertura dei suoi racconti, battuti a macchina in cima alla cuccia. Chi non conosce le vicende dell’acuto beagle e del suo amico per la pelle Charlie Brown, protagonisti dei ‘Peanuts’? La striscia a fumetti fu creata da Charles M. Schulz dal 1950 al 2000, punto di partenza per serie animate, musical e ben cinque lungometraggi, fino al recente ‘Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts’ del 2015.

Ma tanti sono i film e i cartoni dedicati alle avventure di cuccioli d’uomo e cuccioli tout court, alle relazioni d’affetto reciproco, modelli di coraggio, rispetto e maturazione. Ottimi esempi sono ‘Cool dog’ del 2011, storia del pastore tedesco Rain e del decenne Jimm, e ‘Belle & Sebastien’ (2013, 2015 e 2018), ispirato all’omonimo sceneggiato e ai racconti di Cécile Aubry, con al centro l’amicizia tra un ragazzino e un cane da montagna dei Pirenei.

Tra i cani cinetelevisivi più famosi, vanno poi menzionati gli intramontabili: Rin Tin Tin, che con l’amico del cuore Rusty è stato l’eroe di fumetti, serie e film; Lassie, il collie protagonista di ben sette lungometraggi e tre serie tv, dal 1943; Spank, il cagnolino amico della piccola Aika, attorno a cui ruotano un manga e una serie anime che ha spopolato anche in Italia tra gli anni ’80 e ’90.

Lasciando i cani per altre specie, i primi da menzionare sono i gatti, protagonisti di relazioni animale-bambino soprattutto nei cartoon del passato. Ecco allora ‘Doraemon’, manga, serie animata, film e videogioco incentrati, dagli anni ’60, sulle avventure di un gatto robot e del giovane Nobita Nobi; oppure ‘L’incantevole Creamy’, storia di Yū, del suo alterego e di due gattini magici, Posi e Nega, e ‘Kiss me Licia’, in cui troviamo il piccolo Andrea e il suo gattone Giuliano.

E se la Disney si è occupata di animali (reali o animati) per tutta la sua lunga vita cinematografica, solo talvolta li ha raffigurati in coppia inscindibile con un bambino. Tra i titoli per eccellenza, tre film d’animazione: ‘Alice nel paese delle meraviglie’ del ’51, con il suo proliferare di bestie reali e immaginarie, ‘Il libro della giungla’ del ’67 e ‘Le avventure di Bianca e Bernie’ del ’77, in cui i due intrepidi topi-agenti salvano l’orfanella Penny. Altri animali protagonisti, con i loro amici bambini? Per l’animazione, due prodotti firmati Miyazaki: la serie del ’74 ‘Heidi’, in cui la bambina protagonista ha per compagni inseparabili il fedele San Bernardo Nebbia e la capretta Fiocco di Neve, e il film ‘Il mio vicino Totoro’ dell’88, capolavoro chenarra di due sorelline e un troll buono, buffo mix tra talpa e orso; e come dimenticare ‘Ferdinand’, del 2017, sul toro che adora i fiori e odia combattere, amico della piccola Nina?

Tra i film, infine, ricordiamo ‘Flicka – Uno spirito libero’ del 2006, ambientato in un ranch, ‘La volpe e la bambina’ del 2007 e ‘L’incredibile storia di Winter il delfino’ del 2011, basato su una vicenda vera.

 

Di Tea Guidi  tratto da Nascere Mamma

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>